Come eliminare il rischio dell’amianto e dell’eternit: 3 tecniche per la bonifica

L’amianto, detto anche asbesto, è un materiale altamente cancerogeno perciò si dovete subito mettervi in contatto una ditta di smaltimento eternit Bergamo per ridurre al minimo il rischio di inalare le fibre pericolose. Pare che siano proprio queste fibre ad essere le responsabili dell’aumento di insorgenza dei tumori polmonari e non solo. quando l’eternit si deteriora potrebbe rilasciare queste fibre volatili che vengono respirate e si bloccano dentro nei polmoni dando origine a diverse patologie, anche di natura terminale. Ecco quali sono le 3 tecniche utilizzate per le operazioni di bonifica dell’amianto.

Incapsulamento

Una delle tecniche per procedere con la bonifica dell’amianto e lo smaltimento eternit Bergamo è l’incapsulamento. Si tratta di una tecnica molto utilizzata che prevede l’uso di speciali prodotti che vengono stesi sul materiale pericoloso al fine di creare una pellicola protettiva che blocchi un’eventuale fuoriuscita di particelle cancerogene. I prodotti usati durante l’incapsulamento sono schiume e gel che creano una membrana, una sorta di strato, che sigilla l’eternit. In questo caso, dopo le operazioni di trattamento del rifiuto pericoloso, è necessario attuare una fase di monitoraggio per verificare la tenuta del materiarle. Quello che dovete fare è contattare periodicamente l’azienda di bonifica amianto e smaltimento eternit Bergamo perché controlli che i prodotti utilizzati non siano stati deteriorati dal tempo atmosferico o da altri fattori, rilasciando le pericolose fibre volatili.

Confino

La tecnica del confino per il trattamento del pericoloso amianto viene usata quando la zona da trattare è molto estesa. Spesso l’eternit e altri fabbricati contiene fibre di amianto venivano usati in edilizia per costruire tetti e altre parti di edifici. Oggi non è raro trovare questi prodotti anche in scuole, ospedali, palazzi e altri edifici. In questo caso, la ditta di smaltimento eternit Bergamo realizza una sorta di barriera che serve a minimizzare l’esposizione alle fibre pericolose. Vengono realizzati dei controsoffitti o delle protezioni simili, per esempio. Anche in questo caso, è necessario attuare una fase di monitoraggio per verificare il buon esito delle operazioni. Periodicamente, la vostra ditta di bonifica amianto e smaltimento eternit Bergamo deve controllare se le pareti di protezione svolgono il loro compito alla perfezione, evitando di esporvi al rischio.

Rimozione

Esiste, infine, un’altra tecnica per il trattamento dei l’amianto e dell’eternit, che è preferibile alle altre due ma non sempre possibile. In questo caso, il materiale che rappresenta il pericolo viene rimosso del tutto. Il vantaggio della rimozione è proprio questo: il pericolo viene rimosso ma le operazioni possono essere pericolose perché potrebbero liberarsi delle fibre, perciò gli addetti della ditta di bonifica amianto e smaltimento eternit Bergamo utilizzano tutte le protezioni speciali. Solo con la tecnica della rimozione dell’amianto ed eternit a Bergamo è possibile eliminare il rischio di liberazione delle fibre cancerogene, perciò non è necessario la fase di monitoraggio. Il rifiuto pericoloso viene portata dalla ditta di bonifica amianto e smaltimento eternit Bergamo presso una discarica autorizzata dove l’eternit viene trattato fino a quando non rappresenterà più un pericolo.

Autore dell'articolo: grey